Partner del programma UNESCO MAB - Man and the Biosphere (L’Uomo e la Biosfera), LVMH ha confermato il suo impegno a favore della biodiversità in occasione del Congresso Mondiale della Natura dell’IUCN, l’Unione internazionale per la conservazione della natura, svoltosi dal 3 all’11 settembre 2021.

La collaborazione con l’UNESCO all’interno del programma “L’Uomo e la Biosfera”

Nel 2019 LVMH ha sottoscritto una collaborazione di cinque anni con l’UNESCO per sostenere il programma scientifico intergovernativo “L’Uomo e la Biosfera”. L’obiettivo di questo strumento di cooperazione internazionale è agire a favore della conservazione della biodiversità a livello mondiale e implementare buone prassi di sviluppo sostenibile in linea con gli obiettivi delle Nazioni Unite.

Questo progetto UNESCO-LVMH affronta due problematiche principali. Da un lato, la riforestazione e l riabilitazione di terre. Dall’altro, la creazione di posti di lavoro durevoli e fonti alternative di reddito, per assicurare alle popolazioni locali una rendita economica che non implichi la deforestazione.

Questa collaborazione si concretizza principalmente in un progetto comune di cinque anni con un budget di cinque milioni di euro contro la deforestazione dell’Amazzonia, un fenomeno che costituisce una grave minaccia per gli ecosistemi della regione.

Concilia inoltre l’ambizione dell’UNESCO di permettere all’uomo di vivere in armonia con la natura, con la nuova visione del lusso di LVMH, fondata sull’unione di natura e creatività. Audrey Azoulay, Direttrice Generale dell’UNESCO, e Antoine Arnault, Direttore Immagine e Ambiente LVMH, hanno discusso del loro impegno durante due eventi chiave del congresso: rispettivamente la cerimonia inaugurale e la conferenza dei CEO.

Il padiglione comune all’interno del Congresso

L’UNESCO, il Gruppo LVMH e le sue Maison hanno esposto all’interno di uno spazio comune la loro visione e le azioni concrete a favore della biodiversità. Il padiglione era suddiviso in diversi spazi, tutti chiamati “ACT” (“All Committed To”), che spiegavano l’impegno condiviso di UNESCO e LVMH a favore della biodiversità:

  • “ACT Together” presentava la collaborazione tra LVMH e l’UNESCO all’interno del programma scientifico intergovernativo L’Uomo e la Biosfera.
  • “ACT for Conservation” raccontava l’impegno di UNESCO e LVMH per facilitare l’implementazione di soluzioni innovative per la gestione di risorse naturali e sostenibili.
  • “ACT for Sustainable Use” mostrava come, di fronte a una riduzione senza precedenti della biodiversità, l’UNESCO e LVMH agiscano congiuntamente per conciliare la preservazione della biodiversità e un utilizzo sostenibile delle risorse.
  • “ACT for Innovation” descriveva il modo in cui l’UNESCO e LVMH creano nuovi strumenti per la salvaguardia del pianeta, con lo scopo di rafforzare i legami solidali e la capacità di ascolto dell’uomo e di comprendere e rispettare i segnali inviati dalle altre specie con le quali condividiamo il nostro processo evolutivo.

L’opera “Wither” dell’artista Thijs Biersteker

All’interno del Congresso, LVMH ha sostenuto l’esposizione Biocenosis21 dell’associazione Art of Change 21(curata da Alice Audouin). Il Gruppo ha finanziato e accolto un’edizione speciale dell’opera “Wither” dell’artista Thijs Biersteker all’interno del padiglione condiviso UNESCO x LVMH.