Roberta Novello

Responsabile risorse umane DFS, Italia

© Studio Kippik

Negli ultimi 20 anni, Roberta Novello ha ricoperto diversi ruoli nelle risorse umane presso le Maison del Gruppo LVMH. La sua vasta esperienza è una risorsa preziosa nella realizzazione di un progetto complesso: l'apertura della prima insegna DFS in Europa, nell'edificio storico del Fondaco dei Tedeschi a Venezia.

“Le persone mi affascinano. Ognuno è diverso e in continua trasformazione. Per interagire con le persone bisogna essere flessibili, curiosi ed empatici. Dopo i miei studi in letteratura e greco antico, la mia passione per le persone mi ha spinto a perseguire una carriera nella funzione delle risorse umane. Dopo aver ottenuto un master in gestione delle risorse umane, ho iniziato a lavorare come responsabile dello sviluppo RU presso Sephora. In seguito ho lavorato per 20 anni nelle RU in Italia, principalmente come manager per Céline e poi come responsabile per Louis Vuitton. Penso che il motivo principale di aver continuato la mia carriera all’interno del Gruppo LVMH è che, a un tale livello di competenza, gestire dei talenti eccezionali è un’autentica sfida. Esiste un’ampia scelta di opportunità interessanti in termini di segmenti, culture aziendali e competenze.

Il mio ruolo attuale ne è un perfetto esempio. Dopo i segmenti bellezza e alta moda, ora mi occupo di distribuzione selettiva per una missione specifica. A settembre 2015, DFS mi ha assegnato l’incarico di responsabile delle risorse umane in Italia. L’obiettivo, entro un orizzonte temporale di un anno, era di creare un’organizzazione di 400 persone per la prima boutique del Gruppo DFS in Europa, il T Fondaco dei Tedeschi. Si tratta di un progetto incredibilmente eccitante. Al di là della scadenza ravvicinata e del numero di persone da assumere, devi possedere una profonda conoscenza di un nuovo mercato per un’azienda che è stata creata negli Stati Uniti e che, da allora, si è sviluppata principalmente in Asia. Da questo punto di vista, la forte identità e il grande savoir-faire di DFS insieme all’esperienza del Gruppo LVMH in Europa rappresentano dei fattori di successo fondamentali. Altrettanto importante è la nostra capacità nel definire le priorità, in particolare e innanzitutto, nel mettere insieme un buon team delle risorse umane. La nostra responsabile della gestione dei talenti ha una duplice cultura, cinese e italiana, e una profonda esperienza nell’industria del lusso. Mentre il nostro manager remunerazione e incentivi ha una vasta esperienza in questa funzione nel mercato italiano, oltre a una conoscenza approfondita delle pratiche internazionali. Allo stesso tempo, non abbiamo avuto paura di innovare e prendere dei rischi, ad esempio nella scelta di individui con una personalità tale da soddisfare la nostra ossessione per l’eccellenza, piuttosto che basarci semplicemente sui titoli di studio. Un altro buon esempio è il nostro responsabile formazione e sviluppo che, nato a Venezia, ha precedentemente lavorato a Shanghai come consulente operativo nel settore della moda.

Oggi, sono estremamente contenta per tutto quello che abbiamo realizzato e per le sinergie che siamo riusciti a individuare. Questa iniziativa conferma che un ambiente complesso e unico può veramente motivare le persone e ci offre una visione chiara del successo futuro. In momenti come questi, possiamo inoltre trarre ispirazione dalla nostra storia e dalle nostre radici. Il DNA delle risorse umane di DFS è in perfetta armonia con il “Futuro della Tradizione”.