Véronique Courtois

Direttrice generale del marchio Parfums Christian Dior

© Jérôme Bonnet / Tutti i diritti riservati

Véronique Courtois coordina lo sviluppo delle creazioni Parfums Christian Dior dal suo ufficio a Parigi, dalle campagne pubblicitarie online e offline fino alla gestione delle celebrità nel ruolo di testimonial della Maison.

“Ho iniziato a lavorare per LVMH nel 2000 in qualità di Responsabile del marketing operativo Guerlain per la Francia, dopo aver acquisito una prima esperienza nell’industria dei profumi. In seguito, sono entrata a far parte di Dior Couture come Direttrice del marketing operativo, prima di essere nominata Direttrice generale del marchio Parfums Christian Dior nel 2012. Grazie alla mia esperienza professionale in LVMH, ho acquisito nuove conoscenze in moltissime aree e ho imparato a capire le aspettative di un Gruppo che, anno dopo anno, ci incoraggia a costruire la nostra carriera e a superarci. Qui l’eccellenza è ovunque, in tutti i nostri mestieri: dallo straordinario lavoro di cucito delle sarte di Dior Couture fino all’impareggiabile manualità delle ‘dames de tables’, artigiane decoratrici dei flaconi di profumo Guerlain.

L’eccellenza caratterizza inoltre la nostra creatività, rifacendosi alle radici della nostra Maison. J’Adore ne è un perfetto esempio. Quando è stata lanciata nel 1999, questa fragranza floreale ed estremamente femminile sfidava le tendenze dominanti, interpretando i valori fondamentali stabiliti da Monsieur Dior. Il suo flacone era il degno erede dell’anfora, uno degli emblemi della Maison, e il suo nome, J’Adore, poteva essere pronunciato in tutte le lingue… proprio come Dior!

Il successo del profumo è stato inarrestabile. Questo è solo un esempio di come il Futuro della Tradizione sia un concetto perfettamente in linea con la nostra definizione del lusso. Lavorando in Dior Couture per due anni, e ora come Direttrice generale del marchio Parfums Christian Dior, ho scoperto la storia eccezionale e ricca di ispirazione di Christian Dior e la sua visionaria genialità. Oggi ritrovo le stesse grandi aspettative e l’eccellenza che hanno sempre ispirato Dior, insieme a un’enorme libertà creativa. Questo connubio di regole e creatività è per me irresistibile: ‘senza la disciplina delle regole, non esiste la libertà di creare’, diceva lo stesso Christian Dior”.