Ruinart

Ruinart
Ruinart

Ruinart

La più antica Maison de Champagne, Ruinart è il simbolo di un savoir-faire e di un'art de vivre famosi in tutto il mondo. Ognuna delle sue cuvée reca la caratteristica impronta dello Chardonnay, l'emblematico vitigno della Maison.

Data di creazione: 1729
CEO: Frédéric Dufour
Sede legale: 4, rue des Crayères, 51100 Reims - Francia
Sito web: www.ruinart.com

Identità

La Maison Ruinart venne fondata il 1° settembre 1729 da Nicolas Ruinart, su impulso dell’incredibile intuzione di suo zio, il dotto monaco benedettino Dom Thierry Ruinart, il quale presagì un brillante futuro per il nuovo “vino con le bollicine” prodotto nella sua regione nativa – lo Champagne – e adorato dalle corti reali d’Europa.

La creazione della Maison Ruinart coincise con l’alba dell’Illuminismo in Francia e dell’art de vivre francese. In Francia nacque una cultura improntata alla bontà e alla bellezza, che prediligeva gusti raffinati ed eleganti, leggeri e sofisticati. Le cuvée Ruinart vi trovarono naturalmente posto.

La Maison, costantemente alla ricerca dell’eccellenza e dell’assoluto, scelse lo Chardonnay, un vitigno raro e delicato, come filo conduttore per tutte le sue cuvée.

 

Lo stemma della famiglia Ruinart de Brimont, concesso durante il regno di Luigi XVI. © mhbiz

Icona

Il Blanc de Blancs di Ruinart è la perfetta espressione della Maison. Realizzato solo con uve Chardonnay, unisce i migliori vini di base, che gli conferiscono la sua ricchezza aromatica, freschezza e un'eccezionale purezza. Quintessenza senza tempo del gusto Ruinart, questa cuvée è la massima espressione di una raffinatezza di straordinaria rarità.

L'iconica bottiglia di Ruinart Blanc de Blancs, 100% Chardonnay. © Marcus Gaab

Approfondimento

Frédéric Dufour, président de la Maison Ruinart
Frédéric Dufour, presidente e CEO della Maison Ruinart.© Ruinart

La Maison Ruinart posò la prima pietra nella storia dello champagne. Eleganza, raffinatezza, purezza e il suo emblematico vitigno Chardonnay costituiscono il DNA di Ruinart e lo rendono un’icona realmente moderna e senza tempo, che, da tre secoli, trae forza dalle sue creazioni. L’equilibrio tra le sue origini e le sue audaci promesse è la chiave del successo del marchio e della sua perpetua contemporaneità.”

Architettura

Le cave di gesso della Maison Ruinart, sfruttate per la prima volta durante il periodo gallo-romano, somigliano a cattedrali sotterranee di gesso. Queste maestose cantine vennero classificate come monumento storico nel 1931. Scavate a mano – con una profondità massima di 38 metri di altezza – presentano numerosi corridoi che si intersecano su una lunghezza di oltre otto chilometri. Distribuite su tre piani di un binaco luminoso, offrono una totale assenza di vibrazioni e condizioni di temperatura e umidità costanti, ideali per la fermentazione e la maturazione delle cuvée Ruinart. Nel corso del tempo, sono state privilegiate testimoni dei momenti più importanti della Maison.

Importante luogo della Champagne per imponenza, magnificenza e dimensioni, le cave di gesso si estendono per oltre 8 km e su 3 livelli.© mhbiz

Prospettive

La Maison Ruinart intrattiene da lungo tempo ottimi rapporti con il mondo dell’arte. Nel 1896 André Ruinart chiese al maggiore illustratore dell’epoca, Alfons Mucha, di creare un messaggio pubblicitario la cui modernità suscitò scalpore. L’impegno del marchio verso il mondo dell’arte si esprime oggi attraverso la sua partecipazione alle più importanti esposizioni d’arte internazionali ma anche e soprattutto tramite le opere commissionate. Prossima a celebrare il suo 300° anniversario, la Maison Ruinart è oggi fonte d’ispirazione e musa di vari artisti famosi in tutto il mondo.

Dati chiave

  • 6 CUVÉE CHARDONNAY PRODOTTE DA RUINART
  • 8 KM DI CAVE DI GESSO
  • 8 ANNI DI MATURAZIONE MINIMA PER UN DOM RUINART